Contraffazioni gastronomiche!

Articolo, Ricetta

Inventata la stampa venne inventata la contraffazione delle opere stampate… Pensavate che il problema della contraffazione delle opere d’ingegno fosse cosa moderna? Non è così… Sin dal Quattrocento gli autori e, soprattutto, gli editori si son dovuti battere contro furbi contraffatori… Il discrorso sarebbe interessantissimo ma molto lungo, e ci riserviamo di scrivere un articolo incentrato sulla contraffazione delle edizioni a stampa di ampio respiro ma in altro momento! Oggi ci limitiamo a farvi conoscere la fortunata e rarissima prima edizione de L’Imperatore dei Cuochi di Vitaliano Bossi affiancandoci, sinotticamente, una delle sue innumerevoli contraffazioni…

Bossi Vitaliano – Salvi Ercole
L’Imperatore dei Cuochi. Manuale completo di Cucina Casalinga e di Alta Cucina. Compilato dal Conte Vitaliano Bossi coadiuvato per la parte tecnica dal capo-cuoco Ercole Salvi
Roma, Edoardo Perino, 1894-95

Rara edizione originale di questo fortunatissimo ricettario ideato dal conte Bossi con la supervisione tecnica di Ercole Salvi, all’epoca rinomato ed apprezzato capo-cuoco. L’opera, pensata e venduta in dispense settimanali, ebbe enorme successo commerciale; il pubblico infattì apprezzò la semplicità delle spiegazioni tecniche fornite dal Salvi e l’accostamento di ricette di alta cucina con ricette ‘povere’. L’Imperatore dei Cuochi conobbe numerose riedizioni per tutta la prima metà del Novecento e fu, inoltre, uno dei libri più contraffatti dell’epoca: si conoscono almeno 14 edizioni pirata del testo, formate copiando parola per parola il lavoro del Bossi o con soli minimi cambiamenti.

Bossi, 1894. Frontespizio.
Bossi, 1894. Frontespizio.

Fra le più rare ed interessanti contraffazioni, spicca quella del Bideri, e l’Imperatore diventa un Principe!

[Bossi Vitaliano – Salvi Ercole]
Il Principe dei Cuochi: Manuale pratico di Bassa ed Alta Cucina
Napoli, Casa Editrice F. Bideri, 1912

Ed ecco che nel 1912 l’editore napoletano Bideri provvide a stampare questa contraffazione sotto il nuovo, e non troppo fantasioso, titolo de Il Principe dei Cuochi; premunendosi di avvertire al frontespizio che il deposito dei libri stampati è situato ‘a New York, presso la Società Libraria Italiana’ al 147 di Mulberry Street, forse per evitare spiacevoli controlli negli uffici e nei magazzini dell’editore a S. Pietro a Majella. Questa contraffazione è apparentemente sopravvissuta in un unico altro esemplare, ma scommettiamo che all’epoca fu un vero best-seller, anche perchè dati i più bassi costi editoriali, era proposto sul mercato ad un prezzo più basso dell’originale Imperatore dei Cuochi, con buona pace del Bossi e del primo editore Edoardo Perino che, oltre alla carta, aveva dovuto pagare il tipografo-compositore, il disegnatore, l’incisore, Ercole Salvi e Vitaliano Bossi etc. etc.

Bossi [Contraffazione], Frontespizio
Bossi [Contraffazione], Frontespizio

Ed eccovi un esempio di quello che abbiamo definito poco sopra ‘copiare parola per parola’: la ricetta del Filetto di Manzo alla Fiorentina…

Bossi, 1894. Il Filetto di Manzo alla Fiorentina
Bossi, 1894. Il Filetto di Manzo alla Fiorentina
Bossi [Contraffazione], il filetto di Manzo alla Fiorentina
Bossi [Contraffazione], il filetto di Manzo alla Fiorentina
Menu